Il contratto collettivo tra libertà di scelta e standard minimi di trattamento