La linea sovietica: politica sì, religione no