Spigolando su turismo (e internet) nel tempo del coronavirus