Criticità, retoriche e occasioni (mancate?) nei discorsi sulla scuola durante la pandemia