La maschera del video tra rappresentazione e ricerca identitaria