“Lo Stato ha bisogno che tu muoia”. Il criminale come cittadino e come nemico pubblico nel ‘Contratto sociale’