Sorridenti, straniati, perplessi. Intorno alla struttura ironica dell'esperienza