Mobilità, crisi e neo-autoctonia: uno sguardo critico-antropologico