Migranti e povere, tra reietti e indecorosi nella RomaCapitale. Contese spaziali e interventi solidali all’Esquilino ai tempi del covid-19