La ricerca dipartimentale ai tempi del COVID-19