Il sublime nella penna. Camillo d'Errico, Cesare Malpica e Salvator Rosa