Una “quadreria per tutti gli studiosi”. Alfonso Frangipane e la collezione di Camillo d’Errico