Da Girolamo Todisco a Cesare Scerra. Ovvero, "gli scricchiolii discreti" della pittura riformata a Laurenzana