Sull’“uso esclusivo” condominiale (e sul numero chiuso dei diritti reali)