La seconda epistola di san Paolo ai Tessalonicesi: le questioni aperte