Beatrix Potter tra realtà e rappresentazione narrativa