La "visione oblita" (Par. XXIII, 50: memoria, oblio e scrittura nella "Commedia" di Dante