Poche parole e nessun talento. Il silenzio dei personaggi queirosiani