1. Il reale della storia e il possibile della finzione nelle “Confessioni d’un italiano”