Mallarmé, Valéry e il fantasma del segno