Disagio senza conflitto. La precarietà e i suoi anestetici