Un libro di Emilio Betti, cent'anni dopo