“Tele d’una Diana e altre invenzioni della notte”. Ipotesi per i dipinti di Zucchi in Palazzo Firenze a Roma