Questa ricerca di Lia Luchetti sulle traiettorie politiche e sociali della memoria pubblica della strage di Piazza Fontana documenta ancora una volta ciò che ho sostenuto a più riprese e cioè che è in atto da decenni un processo di estetizzazione della sfera pubblica italiana, in quanto - laddove si sono inceppati i tribunali - hanno preso parola artisti ed artiste, registi e registe (teatrali e cinematografici), musicisti e musiciste, scrittrici e scrittori. Ha ragione Claudia Pinelli quando, nella sua lettera riportata nelle pagine che seguono, scrive che “l'arte ha dato voce a chi voce non aveva”.

Tota, A.L. (2022). Sull’estetizzazione della sfera pubblica italiana: prefazione, 1, 11-12.

Sull’estetizzazione della sfera pubblica italiana: prefazione

TOTA ANNA LISA
2022

Abstract

Questa ricerca di Lia Luchetti sulle traiettorie politiche e sociali della memoria pubblica della strage di Piazza Fontana documenta ancora una volta ciò che ho sostenuto a più riprese e cioè che è in atto da decenni un processo di estetizzazione della sfera pubblica italiana, in quanto - laddove si sono inceppati i tribunali - hanno preso parola artisti ed artiste, registi e registe (teatrali e cinematografici), musicisti e musiciste, scrittrici e scrittori. Ha ragione Claudia Pinelli quando, nella sua lettera riportata nelle pagine che seguono, scrive che “l'arte ha dato voce a chi voce non aveva”.
978-88-351-2141-1
Tota, A.L. (2022). Sull’estetizzazione della sfera pubblica italiana: prefazione, 1, 11-12.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/413003
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact