Le parole del Santo Padre Francesco contenute nel Messaggio per la 56ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali del 24.01.2022 risuonano come una chiamata all’azione e all’assunzione di responsabilità. Vi leggiamo: "La capacità di ascoltare la società è quanto mai preziosa in questo tempo ferito dalla lunga pandemia. Tanta sfiducia accumulata in precedenza verso l’“informazione ufficiale” ha causato anche una “infodemia”, dentro la quale si fatica sempre più a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione. Bisogna porgere l’orecchio e ascoltare in profondità, soprattutto il disagio sociale accresciuto dal rallentamento o dalla cessazione di molte attività economiche". Il bisogno e il dovere di ascoltare il disagio sociale è la conseguenza di quella «necessità di “andare e vedere” per scoprire la realtà e poterla raccontare a partire dall’esperienza degli eventi e dall’incontro con le persone», su cui si era riflettuto nel Messaggio del 2021. La questione educativa e formativa nel nostro Paese è uno di quegli ambiti che oggi, più che mai, richiede l’attenzione dei ricercatori e dei decisori politici; perché la capacità del sistema di apprendimento permanente di un Paese di concorrere alla costruzione di prospettive di sviluppo dei cittadini e delle cittadine e di fornire personale qualificato, adeguato a inserirsi nelle trasformazioni dell’economia e della società sono fattori essenziali per il suo progresso. La qualità dell’istruzione, della formazione e del lavoro sono indicatori fondamentali del benessere di una comunità nazionale e delle sue prospettive di sviluppo per il futuro. Le trasformazioni in atto nel mercato del lavoro richiedono un investimento continuo in sistemi efficaci e inclusivi di protezione, orientamento e riqualificazione dei cittadini e dei lavoratori, in particolare.

Proietti, E. (2022). Ascoltare chi non parla. Il sistema formativo italiano tra emergenze, esclusioni, disuguaglianze e diritto all’apprendimento permanente. In C. Alvati, & T. Doni (a cura di), Dall’orecchio al cuore. Esplorando nuove vie d’ascolto (pp. 157-175). Roma : LAS.

Ascoltare chi non parla. Il sistema formativo italiano tra emergenze, esclusioni, disuguaglianze e diritto all’apprendimento permanente

Emanuela Proietti
2022

Abstract

Le parole del Santo Padre Francesco contenute nel Messaggio per la 56ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali del 24.01.2022 risuonano come una chiamata all’azione e all’assunzione di responsabilità. Vi leggiamo: "La capacità di ascoltare la società è quanto mai preziosa in questo tempo ferito dalla lunga pandemia. Tanta sfiducia accumulata in precedenza verso l’“informazione ufficiale” ha causato anche una “infodemia”, dentro la quale si fatica sempre più a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione. Bisogna porgere l’orecchio e ascoltare in profondità, soprattutto il disagio sociale accresciuto dal rallentamento o dalla cessazione di molte attività economiche". Il bisogno e il dovere di ascoltare il disagio sociale è la conseguenza di quella «necessità di “andare e vedere” per scoprire la realtà e poterla raccontare a partire dall’esperienza degli eventi e dall’incontro con le persone», su cui si era riflettuto nel Messaggio del 2021. La questione educativa e formativa nel nostro Paese è uno di quegli ambiti che oggi, più che mai, richiede l’attenzione dei ricercatori e dei decisori politici; perché la capacità del sistema di apprendimento permanente di un Paese di concorrere alla costruzione di prospettive di sviluppo dei cittadini e delle cittadine e di fornire personale qualificato, adeguato a inserirsi nelle trasformazioni dell’economia e della società sono fattori essenziali per il suo progresso. La qualità dell’istruzione, della formazione e del lavoro sono indicatori fondamentali del benessere di una comunità nazionale e delle sue prospettive di sviluppo per il futuro. Le trasformazioni in atto nel mercato del lavoro richiedono un investimento continuo in sistemi efficaci e inclusivi di protezione, orientamento e riqualificazione dei cittadini e dei lavoratori, in particolare.
9788821314919
Proietti, E. (2022). Ascoltare chi non parla. Il sistema formativo italiano tra emergenze, esclusioni, disuguaglianze e diritto all’apprendimento permanente. In C. Alvati, & T. Doni (a cura di), Dall’orecchio al cuore. Esplorando nuove vie d’ascolto (pp. 157-175). Roma : LAS.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/414448
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact