Dimitris Pikionis (1887-1968), author of one of the most important intervention in the 20th century, experimented in Athens a reactivation of places starting from the landscape and using perception as a design tool. Through the analysis of the Plan of layout for the Acropolis Park (1954-1958), the essay investigates – with original drawings and iconographic references – the reasons for a project that has become an essential precedent for those working in stratified contexts and in the dimension of the landscape; a project that focuses on the reading of the relationship between tradition and renewal, between knowledge and intuition as components of a creative process that draws from memory to create an architecture able of interpreting the spirit of its time and become a precedent consolidated by history.

Autore di uno dei più significativi interventi del Novecento, Dimitris Pikionis (1887-1968) sperimenta ad Atene una riattivazione dei luoghi che assume il paesaggio come palinsesto e usa la dimensione corporea della percezione come strumento di progetto. Attraverso l’analisi del Piano d’assetto per il Parco dell’Acropoli (1954-1958) il saggio indaga – con disegni originali e riferimenti iconografici – le ragioni di un progetto che è diventato un precedente imprescindibile per chiunque operi in contesti stratificati e nella dimensione del paesaggio, ponendo al centro della lettura il rapporto tra tradizione e rinnovamento, tra conoscenza e intuito come componenti di quel processo creativo che assorbe la memoria per realizzare un’architettura in grado di interpretare lo spirito del proprio tempo e, da lì, diventare un precedente consolidato dalla storia.

Carlini, A. (2019). La lezione di Dimitris Pikionis. Paesaggio, architettura e memoria percorrendo le strade di Atene. In C.C. Luigi Franciosini (a cura di), Architettura per l’Archeologia. ICADA, esperienze a confronto (pp. 134-143). Firenze : AIÓN EDIZIONI FIRENZE.

La lezione di Dimitris Pikionis. Paesaggio, architettura e memoria percorrendo le strade di Atene

Alessandra Carlini
2019

Abstract

Autore di uno dei più significativi interventi del Novecento, Dimitris Pikionis (1887-1968) sperimenta ad Atene una riattivazione dei luoghi che assume il paesaggio come palinsesto e usa la dimensione corporea della percezione come strumento di progetto. Attraverso l’analisi del Piano d’assetto per il Parco dell’Acropoli (1954-1958) il saggio indaga – con disegni originali e riferimenti iconografici – le ragioni di un progetto che è diventato un precedente imprescindibile per chiunque operi in contesti stratificati e nella dimensione del paesaggio, ponendo al centro della lettura il rapporto tra tradizione e rinnovamento, tra conoscenza e intuito come componenti di quel processo creativo che assorbe la memoria per realizzare un’architettura in grado di interpretare lo spirito del proprio tempo e, da lì, diventare un precedente consolidato dalla storia.
978-88-98262-84-7
Dimitris Pikionis (1887-1968), author of one of the most important intervention in the 20th century, experimented in Athens a reactivation of places starting from the landscape and using perception as a design tool. Through the analysis of the Plan of layout for the Acropolis Park (1954-1958), the essay investigates – with original drawings and iconographic references – the reasons for a project that has become an essential precedent for those working in stratified contexts and in the dimension of the landscape; a project that focuses on the reading of the relationship between tradition and renewal, between knowledge and intuition as components of a creative process that draws from memory to create an architecture able of interpreting the spirit of its time and become a precedent consolidated by history.
Carlini, A. (2019). La lezione di Dimitris Pikionis. Paesaggio, architettura e memoria percorrendo le strade di Atene. In C.C. Luigi Franciosini (a cura di), Architettura per l’Archeologia. ICADA, esperienze a confronto (pp. 134-143). Firenze : AIÓN EDIZIONI FIRENZE.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/415272
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact