Il recupero e la valorizzazione delle aree estrattive dismesse, ipogee e “a cielo aperto”, si fonda sull’obiettivo generale di un’azione rigenerativa di scala vasta, urbana e/o territoriale, che promuova sistemi di riconnessione di valore ambientale, storico, culturale. Si intende superare l’intervento di semplice bonifica o rinaturalizzazione, e interpretare il recupero come un’opportunità di re-immissione in vita di questi luoghi, proponendo la loro “messa in sicurezza”, suggerendo l’inserimento di funzioni e servizi urbani, restituendone il godimento alla dimensione pubblica. Si vuole puntare all’individuazione, rilettura, recupero di sistemi estensivi e complessi, attraverso: la creazione di reti di ricucitura territoriale, il ripristino di relazioni ecologiche, culturali, fruitive, l’identificazione di “infrastrutture ambientali” o viarie (linee d’acqua, corridoi ecologici, antichi tracciati), il riconoscimento e/o la proposizione di “figure territoriali”, capaci di evidenziare e rappresentare le relazioni spaziali e morfologiche tra singoli luoghi. Il progetto è parte di una ricerca di Ateneo (La Sapienza) che ha scelto come terreno di sperimentazione il Parco dell’Appia Antica: un contesto unico, nel quale l’azione di valorizzazione si intreccia con un ricco palinsesto di preesistenze, naturalistiche e antropiche, suggerendo articolate dinamiche d’uso congiunto, tra ri-funzionalizzazione e tutela, oltreché percorsi di visita alternativi e inconsueti.

Montuori, L., Petrachi, R., Dell'Aira, P.V., Guarini, P. (2017). Progettazioni sperimentali. Il recupero dei siti di cava: strategie di scala vasta. Ipotesi per il Parco dell'Appia Antica, 139-179.

Progettazioni sperimentali. Il recupero dei siti di cava: strategie di scala vasta. Ipotesi per il Parco dell'Appia Antica

Montuori, L.;Petrachi, R.;
2017

Abstract

Il recupero e la valorizzazione delle aree estrattive dismesse, ipogee e “a cielo aperto”, si fonda sull’obiettivo generale di un’azione rigenerativa di scala vasta, urbana e/o territoriale, che promuova sistemi di riconnessione di valore ambientale, storico, culturale. Si intende superare l’intervento di semplice bonifica o rinaturalizzazione, e interpretare il recupero come un’opportunità di re-immissione in vita di questi luoghi, proponendo la loro “messa in sicurezza”, suggerendo l’inserimento di funzioni e servizi urbani, restituendone il godimento alla dimensione pubblica. Si vuole puntare all’individuazione, rilettura, recupero di sistemi estensivi e complessi, attraverso: la creazione di reti di ricucitura territoriale, il ripristino di relazioni ecologiche, culturali, fruitive, l’identificazione di “infrastrutture ambientali” o viarie (linee d’acqua, corridoi ecologici, antichi tracciati), il riconoscimento e/o la proposizione di “figure territoriali”, capaci di evidenziare e rappresentare le relazioni spaziali e morfologiche tra singoli luoghi. Il progetto è parte di una ricerca di Ateneo (La Sapienza) che ha scelto come terreno di sperimentazione il Parco dell’Appia Antica: un contesto unico, nel quale l’azione di valorizzazione si intreccia con un ricco palinsesto di preesistenze, naturalistiche e antropiche, suggerendo articolate dinamiche d’uso congiunto, tra ri-funzionalizzazione e tutela, oltreché percorsi di visita alternativi e inconsueti.
9788822900265
Montuori, L., Petrachi, R., Dell'Aira, P.V., Guarini, P. (2017). Progettazioni sperimentali. Il recupero dei siti di cava: strategie di scala vasta. Ipotesi per il Parco dell'Appia Antica, 139-179.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/416095
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact