Il saggio illustra come la percezione del colore di pelle di un individuo non sia un atto spontaneo e semplicemente fisico, ovvero naturale, ma come sia determinato da fattori culturali e politici, nonché dal contesto storico. Attraverso alcuni esempi storici ed etnografici, si dimostra come la (auto)percezione del colore di un individuo avvenga sulla base della classificazione dell'individuo in quanto appartenente a un gruppo sociale, di come essa possa variare nel corso del tempo, e soprattutto di come l'ideologia razzista abbia determinato i contenuti delle classificazioni di colore.

RIBEIRO COROSSACZ, V. (2012). Colore. Si vede e non si vede. In Femministe a parole. Grovigli da districare (pp. 59-63). ITA : Ediesse.

Colore. Si vede e non si vede

RIBEIRO COROSSACZ, VALERIA
2012

Abstract

Il saggio illustra come la percezione del colore di pelle di un individuo non sia un atto spontaneo e semplicemente fisico, ovvero naturale, ma come sia determinato da fattori culturali e politici, nonché dal contesto storico. Attraverso alcuni esempi storici ed etnografici, si dimostra come la (auto)percezione del colore di un individuo avvenga sulla base della classificazione dell'individuo in quanto appartenente a un gruppo sociale, di come essa possa variare nel corso del tempo, e soprattutto di come l'ideologia razzista abbia determinato i contenuti delle classificazioni di colore.
9788823016491
RIBEIRO COROSSACZ, V. (2012). Colore. Si vede e non si vede. In Femministe a parole. Grovigli da districare (pp. 59-63). ITA : Ediesse.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/417933
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact