Il progetto didattico, a partire dalle fonti documentarie conservate nel Museo della Scuola e dell’Educazione dell’Università Roma Tre, intende tracciare un percorso storico-teorico con il fine di ideare un ambiente virtuale incentrato sul banco nella storia della scuola fra Otto e Novecento e, in particolare, nell’esperienza delle scuole dell’agro romano e pontino. È rivolto agli studenti di Storia della Pedagogia in un corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche, i quali potranno avvalersi della consulenza dei colleghi di Storia dell’arte, Architettura e Dams: ciò per riflettere sulla valenza educativa dell’arte all’interno di questa esperienza e sperimentare la ricchezza dell’utilizzo di fonti materiali nella didattica universitaria di storia dell’educazione. Un focus, dunque, sul banco, e sul “punto di vista”, letterale e metaforico, per meglio comprendere le implicazioni materiali, estetiche ed educative dell’uso di tale “dispositivo pedagogico”. Tra gli obiettivi del progetto figurano a) il contatto diretto con le fonti; b) la descrizione, interpretazione e selezione delle stesse per realizzare percorsi narrativi; c) l’allestimento di una mostra virtuale basata su documenti d’archivio da estendere ai fruitori del Mused.

DI BIASIO, S. (2021). Da “sedere compostamente” a “stare comodamente”: l’esperienza delle scuole dell’Agro romano e pontino come laboratorio sulla storia del banco scolastico. In C.C. Anna Ascenzi (a cura di), Il patrimonio storico-educativo come risorsa per il rinnovamento della didattica scolastica e universitaria: esperienze e prospettive (pp. 465-478). Macerata : Eum.

Da “sedere compostamente” a “stare comodamente”: l’esperienza delle scuole dell’Agro romano e pontino come laboratorio sulla storia del banco scolastico

Simone di Biasio
2021-01-01

Abstract

Il progetto didattico, a partire dalle fonti documentarie conservate nel Museo della Scuola e dell’Educazione dell’Università Roma Tre, intende tracciare un percorso storico-teorico con il fine di ideare un ambiente virtuale incentrato sul banco nella storia della scuola fra Otto e Novecento e, in particolare, nell’esperienza delle scuole dell’agro romano e pontino. È rivolto agli studenti di Storia della Pedagogia in un corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche, i quali potranno avvalersi della consulenza dei colleghi di Storia dell’arte, Architettura e Dams: ciò per riflettere sulla valenza educativa dell’arte all’interno di questa esperienza e sperimentare la ricchezza dell’utilizzo di fonti materiali nella didattica universitaria di storia dell’educazione. Un focus, dunque, sul banco, e sul “punto di vista”, letterale e metaforico, per meglio comprendere le implicazioni materiali, estetiche ed educative dell’uso di tale “dispositivo pedagogico”. Tra gli obiettivi del progetto figurano a) il contatto diretto con le fonti; b) la descrizione, interpretazione e selezione delle stesse per realizzare percorsi narrativi; c) l’allestimento di una mostra virtuale basata su documenti d’archivio da estendere ai fruitori del Mused.
978-88-6056-762-8
DI BIASIO, S. (2021). Da “sedere compostamente” a “stare comodamente”: l’esperienza delle scuole dell’Agro romano e pontino come laboratorio sulla storia del banco scolastico. In C.C. Anna Ascenzi (a cura di), Il patrimonio storico-educativo come risorsa per il rinnovamento della didattica scolastica e universitaria: esperienze e prospettive (pp. 465-478). Macerata : Eum.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/426259
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact