The study gives a complete view of the artistic and architectural trends in Rome, starting from the end of the Seventeenth century, with the foundation of the Academy of Arcadia, to the XIX century after the restoration of Papal authority . The city shows a complex relationship between the changes of taste after the Baroque excesses. European culture was influenced by Roman Antiquities, but foreign artists and scholars had often a leading role in Rome, such as Raphael Mengs or Jacques-Louis David. The transformation of the Roman Classicism of the first half of Nineteenth century, leaded by G. Valadier and L. Canina, into an eclectic experimentalism, is well expressed in the second phase of Villa Torlonia, with the works by G.B. Caretti, Q. Raimondi and G. Jappelli.

Il saggio fornisce una ampia disamina delle tendenze artistiche e architettoniche presenti a Roma a partire dalla fine del XVII secolo, con la fondazione dell'Accademia di Arcadia, fino all’Ottocento, dopo il ripristino dell'autorità papale. La città mostra una complessa relazione tra i cambiamenti del gusto dopo gli eccessi barocchi, e la politica pontificia. La cultura europea è influenzata dalle antichità romane, ma artisti e studiosi stranieri, come Raphael Mengs o Jacques-Louis David, hanno un ruolo di primo piano a Roma. La trasformazione del classicismo romano della prima metà del XIX secolo in uno sperimentalismo eclettico, è ben espressa nella seconda fase delle trasformazioni di Villa Torlonia, con le opere di GB Caretti, D. Raimondi e G.Jappelli.

Micalizzi, P. (2007). Il Neoclassicismo e Roma. PALLADIO, 40, 27-58.

Il Neoclassicismo e Roma

MICALIZZI, Paolo
2007-01-01

Abstract

Il saggio fornisce una ampia disamina delle tendenze artistiche e architettoniche presenti a Roma a partire dalla fine del XVII secolo, con la fondazione dell'Accademia di Arcadia, fino all’Ottocento, dopo il ripristino dell'autorità papale. La città mostra una complessa relazione tra i cambiamenti del gusto dopo gli eccessi barocchi, e la politica pontificia. La cultura europea è influenzata dalle antichità romane, ma artisti e studiosi stranieri, come Raphael Mengs o Jacques-Louis David, hanno un ruolo di primo piano a Roma. La trasformazione del classicismo romano della prima metà del XIX secolo in uno sperimentalismo eclettico, è ben espressa nella seconda fase delle trasformazioni di Villa Torlonia, con le opere di GB Caretti, D. Raimondi e G.Jappelli.
The study gives a complete view of the artistic and architectural trends in Rome, starting from the end of the Seventeenth century, with the foundation of the Academy of Arcadia, to the XIX century after the restoration of Papal authority . The city shows a complex relationship between the changes of taste after the Baroque excesses. European culture was influenced by Roman Antiquities, but foreign artists and scholars had often a leading role in Rome, such as Raphael Mengs or Jacques-Louis David. The transformation of the Roman Classicism of the first half of Nineteenth century, leaded by G. Valadier and L. Canina, into an eclectic experimentalism, is well expressed in the second phase of Villa Torlonia, with the works by G.B. Caretti, Q. Raimondi and G. Jappelli.
Micalizzi, P. (2007). Il Neoclassicismo e Roma. PALLADIO, 40, 27-58.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/117866
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact