Immagine digitale e persistenza del cinema