Il "contratto" e la "rete": brevi note sul riduzionismo legislativo