Uno Tsumani davvero "poco" silenzioso”