"Corpo io sono e anima". L'ambiguità della biopolitica