A partire da alcune suggestioni di Michel Foucault – che coniò, a proposito di Manet, la definizione di “quadro-oggetto” – questo saggio riflette sulla posizione dello spettatore rispetto alle narrazioni complesse del cinema contemporaneo. In particolare vengono identificate due modalità narrative, esemplificate rispettivamente da Big Fish (Tim Burton, 2003) e da 2046 (Wong Kar-wai, 2004).

Carocci, E. (2009). Di alcuni gesti fondamentali nel cinema contemporaneo. CLOSE-UP, 24-25, 42-51.

Di alcuni gesti fondamentali nel cinema contemporaneo

CAROCCI, ENRICO
2009

Abstract

A partire da alcune suggestioni di Michel Foucault – che coniò, a proposito di Manet, la definizione di “quadro-oggetto” – questo saggio riflette sulla posizione dello spettatore rispetto alle narrazioni complesse del cinema contemporaneo. In particolare vengono identificate due modalità narrative, esemplificate rispettivamente da Big Fish (Tim Burton, 2003) e da 2046 (Wong Kar-wai, 2004).
Carocci, E. (2009). Di alcuni gesti fondamentali nel cinema contemporaneo. CLOSE-UP, 24-25, 42-51.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/125021
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact