La disciplina del trasporto ferroviario: norme di legge, regole contrattuali o ‘atti di clemenza’?