La colpa oggettiva del malato di mente: le esperienze nordamericana e francese