L'autorizzazione «condizionata» agli acquisti delle persone giuridiche tra autonomia privata e discrezionalità amministrativa