Il rilievo dei “comportamenti” ai fini del riparto giurisdizionale dopo la sentenza n. 191 del 2006 della Corte costituzionale