G.H. Mead e l’intenzione di una psicologia ‘scientifica’