Per un connessionismo non eliminazionista