Troppa memoria e poca storia? A proposito degli "archivi sensibili" in America Latina