Ulisse, Arnaut e Riccardo di San Vittore: convergenze figurali e richiami lessicali nella «Commedia»