Sull’interpretazione dei contratti normativi