Gino Borgatta e la crisi economica degli anni Trenta tra protezionismo condizionato e autarchia inderogabile