INAPPLICABILE LA COMPENSAZIONE AI DEBITI DA CONDONO