Il cinema italiano non rappresenta più un modello forte per le cinematografie africane. Varie le ragioni: sempre meno film vengono distribuiti in sala; forti permangono le resistenze a varare coproduzioni con cinematografie africane. Eppure, il filone storico-epico e il neorealismo hanno per decenni lasciato segni importanti nelle cinematografie africane, e numerosi registi si sono formati al Centro Sperimentale di Cinematografia. Il saggio prende in esame anche il ruolo svolto da alcune figure chiave del cinema italiano nell'instaurare un dialogo fertile tra le due sponde del Mediterraneo, tra cui Rossellini e Pasolini.

DE FRANCESCHI L (2010). Italia addio: il nostro cinema visto dall'altra parte del Mediterraneo. IMAGO, 1(1), 181-193.

Italia addio: il nostro cinema visto dall'altra parte del Mediterraneo

DE FRANCESCHI, LEONARDO
2010

Abstract

Il cinema italiano non rappresenta più un modello forte per le cinematografie africane. Varie le ragioni: sempre meno film vengono distribuiti in sala; forti permangono le resistenze a varare coproduzioni con cinematografie africane. Eppure, il filone storico-epico e il neorealismo hanno per decenni lasciato segni importanti nelle cinematografie africane, e numerosi registi si sono formati al Centro Sperimentale di Cinematografia. Il saggio prende in esame anche il ruolo svolto da alcune figure chiave del cinema italiano nell'instaurare un dialogo fertile tra le due sponde del Mediterraneo, tra cui Rossellini e Pasolini.
DE FRANCESCHI L (2010). Italia addio: il nostro cinema visto dall'altra parte del Mediterraneo. IMAGO, 1(1), 181-193.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/134267
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact