LA PREVEDIBILITÀ DELLA DECISIONE TRA UGUAGLIANZA E APPARTENENZA