L’utopia della salute e l’emarginazione degli imperfetti