The work aims to outline, briefly, the results of the analysis of the rich historical stratification of some thermal sites in the surroundings of Civitavecchia (thermal springs called Taurine) from the Etruscan period to the present day, through the study of the available sources, especially historical-cartographical. In the late XIX century sources again aroused the attention of local investors and was built a modern station, which was destroyed by bombing in the Second World War.

Il lavoro analizza la ricca stratificazione storica che si è avuta intorno ai siti termali presenti nel territorio di Civitavecchia dall’epoca etrusca fino ai nostri giorni, attraverso l’analisi delle fonti disponibili, in particolare quelle cartografiche. Le terme hanno avuto due momenti importanti che corrispondono alla monumentale valorizzazione fattane dai Romani, particolarmente all’apice del loro potere sotto Traiano, e quella sviluppata tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento quando, come accadeva in Europa e nel resto d’Italia, le sorgenti attirarono nuovamente l’attenzione degli investitori locali e nel centro della cittadina venne realizzata dal Comune una moderna stazione dotata di tutti i servizi. Dopo la ricostruzione geostorica dello sfruttamento delle acque calde termali, si cercherà di indagare se le strutture ancora esistenti siano economicamente più interessanti per Civitavecchia sotto l’aspetto di luoghi della memoria (quindi come area archeologica-museale), oppure come risorsa in funzione curativa.

D'Ascenzo, A. (2014). Civitavecchia e il termalismo. Indagine geostorica di una vocazione interrotta. GEOTEMA, 46, 41-46.

Civitavecchia e il termalismo. Indagine geostorica di una vocazione interrotta

D'ASCENZO, ANNALISA
2014-01-01

Abstract

Il lavoro analizza la ricca stratificazione storica che si è avuta intorno ai siti termali presenti nel territorio di Civitavecchia dall’epoca etrusca fino ai nostri giorni, attraverso l’analisi delle fonti disponibili, in particolare quelle cartografiche. Le terme hanno avuto due momenti importanti che corrispondono alla monumentale valorizzazione fattane dai Romani, particolarmente all’apice del loro potere sotto Traiano, e quella sviluppata tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento quando, come accadeva in Europa e nel resto d’Italia, le sorgenti attirarono nuovamente l’attenzione degli investitori locali e nel centro della cittadina venne realizzata dal Comune una moderna stazione dotata di tutti i servizi. Dopo la ricostruzione geostorica dello sfruttamento delle acque calde termali, si cercherà di indagare se le strutture ancora esistenti siano economicamente più interessanti per Civitavecchia sotto l’aspetto di luoghi della memoria (quindi come area archeologica-museale), oppure come risorsa in funzione curativa.
The work aims to outline, briefly, the results of the analysis of the rich historical stratification of some thermal sites in the surroundings of Civitavecchia (thermal springs called Taurine) from the Etruscan period to the present day, through the study of the available sources, especially historical-cartographical. In the late XIX century sources again aroused the attention of local investors and was built a modern station, which was destroyed by bombing in the Second World War.
D'Ascenzo, A. (2014). Civitavecchia e il termalismo. Indagine geostorica di una vocazione interrotta. GEOTEMA, 46, 41-46.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/134915
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact